CINCIA BIGIA

0

(Poecile palustris)

Obiettivo Appennino – Gli scatti di William Vivarelli nelle Valli Bolognesi

(articolo pubblicato nel numero uscito nella primavera 2017)

La Cincia bigia è un piccolo passeriforme, lungo circa 12 centimetri. Maschi e femmine adulti sono indistinguibili in natura. Hanno le parti superiori marrone con sfumature grigiastre con alcune remiganti e timonieri caudali marrone scuro. Il capo è nero superiormente fino all’occhio, mentre sotto (guance orecchie e fin quasi sulla nuca) è bianco. Sulla gola è presente un bavaglino nero. Il petto, l’addome e il ventre sono bianco sporco – fulvo chiaro. Il becco e le zampe sono grigie. I giovani sono del tutto simili agli adulti. Come tutte le Cince, anche la Cincia bigia è un insettivoro. Integra comunque la dieta con piccoli frutti, semi e miele. Il volo è sfarfallato e ondulato, con battiti rapidi e poco profondi. Nidifica in cavità di tronchi, ceppi e radici, occasionalmente in cunicoli e fenditure di muri. Da aprile in avanti la femmina depone 7-10 uova bianche macchiate di bruno, alla cui incubazione provvede quasi da sola per 13-17 giorni. Entrambi i genitori si occupano dei piccoli fino alla completa autosufficienza. L’involo avviene dopo 2-3 settimane. In inverno frequenta le mangiatoie, ma raramente nidifica in cassette nido. Nel nostro territorio perlopiù la si rinviene nella zona collinare, ma nella stagione fredda anche in pianura.

Condividi con

About Author

Comments are closed.

X
Questo sito usa i cookie per offrirti la migliore esperienza possibile. Procedendo con la navigazione sul sito o scrollando la pagina, accetti implicitamente l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Informativa sull'utilizzo dei cookie Accetto